?

Log in

No account? Create an account

November 7th, 2011


01:28 am - Quanto ti amo, Bernadette.



(Leave a comment)

January 23rd, 2011


06:22 pm
Di bello, del tornare a cantare, c'è che ti rinasce dentro tutto quello che l'inverno aveva addormentato. E il calore che riesci a sprigionare è tutt'altra cosa che il sole. E' molto meglio.
A volte penso che non c'è un modo così intenso di sentire la musica come lasciarla passare per la gola; a partire dalle ossa, farla nascere dalle eco e dai rintocchi, per portarla fuori prima con l'anima e poi con la voce.




(7 comments | Leave a comment)

January 3rd, 2011


01:07 am - Brokeback Mountain


Ci sono tante cose che mi piacciono di questo film.

Mi piace per esempio come i colori si raffreddano e si scaldano (ed è vero perché quando hai finito di vederlo, di solito, ti viene la febbre), mi piace la faccia pallida di Jack, mi piace tanto il muso triste di Ennis. Mi piacciono quelle infinite lande di nulla dove le eco corrono come pazze e non si fermano mai, mi piacciono quei levi's scoloriti per davvero sopra i camperos a punta. E penso che sarei capace di continuare quasi all'infinito la lista, mettendoci un po' d'impegno.


C'erano una volta due orsacchiotti di peluche di nome Jack ed Ennis, comprati come souvenir in due università dall'altra parte del mondo, che mi hanno guardato coi loro occhi di plastica nera e mi hanno ricordato che questo film mi ha spezzato il cuore.

 

Non so se la pubblicità a suo tempo fu troppa o troppo poca. E in uno slancio di buon gusto dovrei risparmiarmi di parlarne tanto apertamente - non si parla mai apertamente delle cose che ci piacciono quando l'opinione pubblica ne ha abusato - ma come faccio proprio ora che a Dio piacendo torrent mi butterà giù un giga e qualcosa di Brokeback tra mezz'ora circa a non cercare qualcuno a cui dire quanto mi piaccia?
E' intollerabilmente bello. In tutti i sensi. Mi fa sentire sciocca ammetterlo in modo così spiazzante, e magari mi sarebbe piaciuto dire qualcosa di più, qualcosa che giustificasse il mio entusiasmo, ma in fondo e con buone probabilità non ce n'è bisogno.
E poi, con tutto l'impegno del mondo, non c'è io credo un modo per parlare davvero dei due protagonisti. Del modo in cui si amano. Dell'amore che hanno. Loro per primi non trovano le parole, non sarebbe giusto trovarle per loro; le parole, dopotutto, non contano. La poesia è così densa che a volte ci sbatti quasi conto, quasi ti schiaffeggia. E se ci penso posso quasi sentire un freddo acuminato che non conosco e che mi ricorda di tutte le volte che non ho trovato le parole per spiegarmi a me stessa.

Forse per la befana mi regalerò il DVD. E magari il libretto. E due orsacchiotti - dei quali uno necessariamente albino - da chiamare Jack e Ennis. E una vincita al lotto, o uno slancio di inaspettata generosità parentale.

Penso che questo film sia una cosa bellissima. Come una di quelle fotografie che per caso vengono inspiegabilmente belle. E uno le guarda, e pensa di appenderle, ma poi non lo fa mai, e se ne dimentica.
E forse è un bene perché poi, quando meno se lo aspetta, saltano fuori.


(8 comments | Leave a comment)

October 1st, 2010


10:54 pm


Dunque dunque. Da dove cominciare.. hm. Ecco. Da dove mi è arrivato.
Con buone probabilità devo aver letto di questo libro da uno dei lj di Kuso. Che ringrazio, già che ci siamo. Con ottime probabilità l'ho comprato (spendendo tutto il mio credito-risparmio della feltrinelli) per quel frammento sulla siberia che mi è piaciuto tanto. E anche questo libro mi sta piacendo tanto.
Si chiama "Educazione Siberiana".
(copertina)Collapse )

Ed è molto molto interessante.
Io sono circa a metà. E quel che ho letto mi è piaciuto molto.
Ora, ben chiaro: tutto potrebbe precipitare in una manciata di pagine. Ma io sono fiduciosa. Perché c'è qualcosa di diversamente poetico nel modo di raccontare di questo ragazzo. La sua infanzia "inquadrata" nella rigida educazione di una società antica e orgogliosa, la benevolenza con cui continua a guardare antiche tradizioni fondate su princìpi di onore e violenza chiaramente inconcepibili, all'alba della nostra epoca (ma ne siamo poi così sicuri? E' così evoluta e giusta la nostra società confrontata a quella di cui lo scrittore parla? Siamo così evoluti e giusti noi?), i paesaggi gelidi e desolati, la guerra onnipresente che vive e respira all'interno di ogni giorno.
Di molto bello poi ci sono anche i disegni dello scrittore che terminano i capitoli.

Quel che poi mi spinge a parlarne è che questo libro è anni luce lontano dalle letture che prediligevo di recente. Già il fatto che sia estremamente narrativo e descrittivo - vogliamo proprio dirlo? Verboso - quasi sicuramente mi avrebbe scoraggiato dal farne anche lontanamente la conoscenza. E poi è russo. Cioè, in realtà è stato scritto in italiano ma, buon dio, da un russo. Il che ha scoraggiato radicalmente una felice tendenza neonata a ribellarmi a qualsiasi tipo di invasione tra i miei libri da parte di questo ramo di letteratura.
Puskin, Gogol', Cechov e - uhhhg - Tolstoj. Fatta eccezione di Dovstoeskij che, andiamo, è il papà di Mitja e Vanja, volevo detestarli amabilmente tutti.
Ebbene.
Questo ragazzino - che ha trent'anni, ma è un ragazzino se si tengono in considerazione le date di morte dei sovraccitati, quindi un ragazzino letterariamente parlando - mi ha mostrato un'affascinante sorriso, una seducente ciocca bionda di una nazione che non avevo nessunissima intenzione di guardare, fedele veterana delle mie care neolatine. Che a dirla tutta non è neanche Russia, ma proprio Siberia. Dove per l'appunto Fedor fu deportato con l'accusa di cospirazione, ma che evidentemente a lui non era sembrata così interessante.

Insomma, se vi capitasse buttateci un occhio. Ha qualcosa da dire, questo libro.

(Leave a comment)

September 27th, 2010


10:18 pm - Juan
(Prima o poi dovrò raccontarmi di nuovo la tua storia.)


Frammento #Collapse )

(Leave a comment)

September 7th, 2010


09:50 pm - Bohemian Rhapsody



La verità è che con i muppets è di una figaggine assoluta. Debbo trovare il testo in questa versione.

-" Mamaaaaah. Mama? Mama! Ahr, mama.."

(Leave a comment)

August 12th, 2010


08:35 pm
Sono sempre stata dell'idea che aprire questo Journal tutto sommato non sia stata una grande idea. Non so mai che scrivere, perché scrivere, a chi scrivere, soprattutto.
Però adesso, anche dopo qualche anno, continua ad esserci. Ed è un angolino non troppo esposto dove ogni tanto mi posso affiacciare e raccontare qualcosa. Tipo adesso: dodici agosto, e domani è tredici. Aereo, casa, festa con parenti. Il mio viaggio l'ho fatto, la mia esperienza, da sola, i libri che ho comprato, le persone che ho consciuto. D'accordo, è stato fantastico, più di quanto avrei potuto desiderare. O immaginare. E ecco, vorrei che domani non arrivasse mai. Vorrei rivivere ancora - ancora - ancora - un giorno da quasi-diciottenne, le lezioni di spagnolo, gli occhi bellissimi, l'accento straniero sulle parole in castigliano. Gli autobus, i treni, le librerie. Le spiagge. I barrì.
E' stato tutto paurosamente somigliante a uno strano sogno. Che ho anche odiato, ma in cui, realmente, mi è sembrato di vivere sospesa. Così. Tra una lezione e una escursione. Tra un: sei brasiliano? No, olandese.
Mi resta un anno nella mia città, e poi uno o due mesi per convincere tutti che qui può essere il mio posto, tutto sommato. Che forse qui per me va bene, che potrei trovarmi bene. Perché è una città giovane, aperta, un po' strana, frenetica. Ci potrei stare bene.
Potrei trovarmi un appartamento da condividere, dove sbattere ovunque i gomiti, potrei studiare letteratura spagnola e portoghese dignitosamente, potrei cominciare il mio cammino da qui. Potrei finalmente trovare la mia strada per crescere.
Ho scoperto che sono capace di orientarmi, se non entro nel panico. Che riesco a ricordare più cose di quante credessi. Che cercare dei segni è inutile se non sai interpretarli. Che non serve a niente accettare l'idea di aver bisogno di qualcuno, se poi, a conti fatti, non c'è mai nessuno. Che la sfiga ha la caratteristica di affezionarsi ai suoi eletti, ma che con uno sforzo di volontà si può anche superarla. Che però, certe cose, per quanto tu ti sforzi e preghi, non succedono.
Che può esistere qualcosa di già perfettamente disegnato nella tua mente da anni, ma che non è stato fatto per te.
E va bene. Ancora. Va bene. Posso sopportarlo.
Prima che me ne andassi il mio mondo quotidiano si è sfasciato in una cascata d'ipocrisia e debolezza. E io non sopporto ne l'una ne l'altra. Che ne sia uscita ferita è cosa dubbia, ma che abbia perso le coordinate è certo. Mi sto creando basi nuove su cui costruirne delle migliori. Che quasi certamente ricrolleranno ma hey, altrimenti non sarebbe divertente.
Mio padre sta fotografando un cielo che urla a squarciagola sul mare. Ci sono lampi fortissimi. E tutto sembra stare aspettando la pioggia violenta, bruciante. Anche noi, qui aspettiamo. Di partire, di ritornare. Ho ricominciato a scrivere.
Mi mancava.
A volte aggrapparsi a una penna è l'unica cosa che si può fare.

(Leave a comment)

July 12th, 2010


06:07 pm
Non so voi, ma io sto morendo d'amore 

http://blog.panorama.it/sport/files/2010/07/mondiale-large.jpg




(8 comments | Leave a comment)

July 3rd, 2010


06:10 pm
Chi conosce un buon sito dove trovare spartiti?

(2 comments | Leave a comment)

June 27th, 2010


04:43 pm


Questa
è una delle tante ipotesi formulate su quel che i due bei giocatori blaugrana si stessero bisbigliando nella famigerata-infamante-meravigliosa foto che ha girato il mondo almeno quindici volte. Fino ad ora.
Io tifo Barça. E sembrerà assurdo, tifavo Barça anche prima di questa foto non che non abbia gradito. Le ipotesi sono due:
a) Porto sfiga. Questa me l'ha suggerita mio cognato con annessa preghiera di non tifare mai napoli
b) Col tempo ho sviluppato un inconscio radar. Sarebbe figo!

Voi che ne dite? E' possibile che non ci fosse niente di intimoinquelmodo in questa foto? E' un fotomontaggio? Siamo agli albori di una nuova era sessual calcistica?

E soprattutto: ci sono già fanfiction su questi due!?

(31 comments | Leave a comment)

vale_03

> Recent Entries
> Archive
> Friends
> Profile
> previous 10 entries

> previous 10 entries
> Go to Top
LiveJournal.com